Gli amanti crocifissi [tit. orig. Chikamatsu monogatari] Kenji Mizoguchi, (1954)

I servitori di Ishun, Primo Stampatore dell’Impero Giapponese, terminano gli ultimi calendari commissionati dall’imperatore e i suoi ministri. O-tama viene ripetutamente importunata da Ishun che le promette ricchezze in cambio di un concubinaggio. La donna per liberarsi del pretendente afferma di aver promesso la sua mano a Mohei, un pittore di pergamene anch’egli dipendente di Ishun. Intanto, O-san, la moglie di Ishun, riceve una richiesta di prestito dal fratello e la madre. Conoscendo l’avarizia del marito chiederà la somma di denaro a Mohei che tenterà di truffare la società manomettendone i bilanci. Riconoscendo il suo errore e con la paura di essere scoperto lo ammetterà subito al padrone.

Un concatenarsi di incomprensioni porterà Ishun a sospettare una tresca amorosa tra Mohei e O-san che scapperanno dalla casa con la paura di essere catturati e crocifissi pubblicamente.

Mizoguchi porta in pellicola una delle più sublimi opere Bunraku (il teatro delle marionette giapponesi) del drammaturgo Chikamatsu Monzaemon, considerato in Occidente come lo Shakespeare d’Oriente.

Ciò che terrorizza ogni uomo o donna nella società giapponese  del periodo Edo è la perdita dell’onore in particolare se causata da un familiare. L’unica via di fuga per salvare la famiglia è un hara-kiri come ammissione di colpa. O-san fuggita con Mohei diffonderà il disonore nella casata di Ishun e in quella della sua madre. Ishun tenterà più volte di trovare i due, che in seguito si scopriranno realmente amanti, prima delle guardie dell’imperatore con l’intento di separarli e far arrestare solo Mohei evitando così di perdere grazie al disonore l’incarico di Primo Stampatore.

Tema caro a Mizoguchi, quello dell’adulterio come trasgressione della legge, già visto ad esempio nel pregevole “O-Haru Donna Galante”; o più in specifico, quello della sessualità femminile oltre il limite della legge come nel caso dell’ultimo film “mizoguchiano”: “La Strada della Vergogna”. La condizione della sessualità femminile, distruttrice come uno tsunami carico di vergogna, diventa simbolo di sottomissione e incatenamento a una società fondata sul potere maschile dove Ishun avrà piena libertà di intrattenersi con le sue gheishe senza scatenare quella meccanica del disonore che da O-san travolgerà egli stesso.

Mizoguchi conosciuto in Occidente come il regista degli ampi movimenti di macchina, del realismo e della composizione scenica impeccabile, opta in questo film a una regia più statica. Questa scelta risulta chiara conoscendo le origini teatrali dell’opera che anche nella colonna sonora e la recitazione stilizzata il regista tiene a ricordare.

Nonostante questo, il film riesce a dare un’impressione di realismo sbalorditiva capace di coinvolgere emotivamente lo spettatore e anche di far comprendere in pieno il ruolo della donna in una società così strutturata.

8/10

Annunci

2 thoughts on “Gli amanti crocifissi [tit. orig. Chikamatsu monogatari] Kenji Mizoguchi, (1954)

  1. Tutte le scoperte della scienza e della tecnica, tutte le opere d arte, tutte le azioni morali pi sublimi e pi umili scaturiscono dal PENSIERO, dall intuito della mente e del cuore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...